sabato 25 marzo 2006

“La sorella di Mozart” a Cremona - 7 marzo 2006

Museo Civico di Cremona
Sala Puerari
Organizzazione e patrocinio: Zonta Club

Articolo di Luciano Panena
da Gli Amici della Musica


Qualche tempo fa, grazie all’Associazione Zonta, il pubblico presente nella sala Puerari del Museo Civico di Cremona ha vissuto veramente un momento entusiasmante, grazie alle presentazione del volume La sorella di Mozart da parte dell’autrice Rita Charbonnier, introdotta da Enrico Pirondini, direttore del quotidiano cremonese "La Provincia".

Il volume rappresenta una preziosità letteraria che ci è stata offerta nell’anno mozartiano e presenta "cum arte summa" aspetti sicuramente nuovi, e talvolta impensabili, della vita di Nannerl, sorella di Amadeus, ed alcuni reconditi rapporti della loro vita.

Rita Charbonnier, scrittrice vivace e ragguardevole, musicista studiosa ed attenta, soprano, attrice di vaglia, ci ha fatto trascorrere un’ora stimolante, incentivata dalle parole di Pirondini. La sua alta cultura, formatasi anche nella civilissima Mantova, ha dimostrato profondità di pensiero e di analisi. È mancato solo il concerto reale, ma l’arte della Charbonnier l’ha fatto presentire nell’enunciazione di tanta passione mozartiana. Stupenda, quindi, la chiarezza della presentazione, i convincimenti prodotti dalla recitazione ben calibrata.

Il romanzo è introdotto dalla citazione: "La Musica è una legge morale. Essa dà l’anima all’universo, ali alla mente, volo all’immaginazione, attrazione alla tristezza e vita ad ogni cosa".

Grazie a bjortklingd per la foto di apertura e a Federico Zovadelli de La Provincia per la foto della serata.

6 commenti:

  1. .....Quindi e' amore...^__^

    Buonissima giornata Rita.

    Giglio.

    RispondiElimina
  2. MEI CO…!!! ...

    Brava, bella, ragguardevole, intelligente, colta, .. di vaglia (?) , attenta... mumble...

    meno male che ce stamo noi 'gnorantoni che riequilibriamo l'entropia universale...

    Ciao bella, bravisssima!!!!

    RispondiElimina
  3. A leggere i commenti mi sorge un dubbio: che aver inserito questo articolo nel blog possa essere interpretato, anche piuttosto ragionevolmente, come un attacco di megalomania?

    Riguardo alla presentazione, desidero ringraziare ancora lo Zonta Club di Cremona, e in particolare Cristina Dobelli (che ha avuto l’idea di organizzare la serata nell’ambito delle celebrazioni per l’8 Marzo, e compare nella foto, a destra) e Mariarosa Ferrari Romanini, la quale di recente mi ha comunicato con grande entusiasmo che “La sorella di Mozart” è il libro più venduto a Cremona!

    Grazie!

    RispondiElimina