venerdì 5 maggio 2006

Raccolta di siti mozartiani

Mozartiani “lui” o mozartiani “lei”? Sulla sorella di Mozart c’è pochissimo, purtroppo, e in italiano ancora meno. Però l'enciclopedia on line Wikipedia ha recentemente creato una buona pagina biografica su Nannerl: eccola.

Ci sono anche le voci sulla madre di Mozart, sul padre e sulla moglie.

Un’interessante e completa raccolta di dipinti che ritraggono Nannerl, insieme al fratello o anche da sola, si può trovare qui. Un'altra, qui.

Tra i siti che raccontano la vita di Mozart e della sua famiglia, quello che personalmente preferisco è il Mozart Project (in inglese), che ha una bella pagina dedicata alla sorella. Unico neo di questo sito, elegante, ricco di articoli sugli argomenti più vari, è che la parte biografica si ferma al 1765 (quindi ben prima della prematura scomparsa del Maestro, nel 1791). Una nota promette aggiornamenti: speriamo che arrivino.

C’è poi il sito del Mozarteum di Salisburgo (in inglese, tedesco e giapponese), prezioso anche per chi intenda programmare un viaggio nella città di Mozart ed assistere a concerti e convegni.

E infine non si può mancare di visitare European Mozart Ways: una descrizione di tutti i luoghi toccati dal Maestro durante i suoi viaggi di studio e promozione artistica, con tanto di mappa interattiva. Nello scorrere lo smisurato elenco di città viene da chiedersi dove il nostro trovasse il tempo di comporre, visto che stava sempre in carrozza!

Aggiornamento. Sul mio sito ora c'è una ricca raccolta di link a siti su Mozart.

4 commenti:

  1. Vorrei segnalarti questo indirizzo:
    http://nannerlmozart.blogspot.com/, e' in inglese!

    Grazie per tutte queste preziose informazioni..
    Io sono gia' pronta per partire in carrozza....^___^

    Una buonissima giornata per te.

    Giglio.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione! Lo sai a cosa si riferisce? Ad un romanzo sulla sorella di Mozart, dal titolo “Mozart’s sister”! E’ scritto in inglese, è uscito da poco ed io non l’ho ancora letto; l’autrice si chiama Alison Bauld. Chi fosse interessato a saperne di più può visitare questi siti:

    http://www.alcinapress.com/

    http://www.alisonbauld.com/

    Sarebbe davvero interessante scoprire come questa signora ha trattato la materia… senz’altro in modo completamente diverso!
    Buon viaggio, Giglio, e alla prossima…

    RispondiElimina
  3. Incredibile! SIamo alle vite parallele!
    Ti sei procurato il libro?

    RispondiElimina
  4. Ooooooops... confesso di no! E quel che è peggio, confesso di non avere intenzione di farlo. Ora sono presa da tutt'altro... se qualche anglofono di buon cuore, però, si presta a leggerlo e poi ce lo racconta, dedichiamo tutto un articolo all'"altra" Nannerl!

    RispondiElimina