venerdì 18 aprile 2008

Un genio musicale in un corpo di donna

Questa è un'anteprima dell'articolo. Il testo completo si trova, insieme ad altri scritti di argomento para-mozartiano, su questa pagina.

La sorella di Mozart era geniale quanto lui?

Nessuno darà mai una risposta definitiva a questa domanda. I biografi di Mozart che nominano Nannerl, sua sorella, danno generalmente per scontato che fosse piuttosto brava a suonare, ma che non fosse assolutamente in grado di comporre. Io mi chiedo come si possa pretendere di valutare un’attitudine che non ha avuto la possibilità di esprimersi: come un seme che non trova un terreno sul quale attecchire, non diverrà mai una pianta.

Sul talento musicale di Nannerl Mozart abbiamo poche certezze, ma significative. Sappiamo che era considerata una virtuosa della tastiera; da bambina, si esibiva in coppia con Wolfgang nelle tournées internazionali organizzate da Leopold Mozart, il padre, e inizialmente, negli annunci dei concerti e negli articoli dei giornali, era lei ad essere nominata – e lodata – per prima. Così scrisse il giornale Augsburger Intelligenz-Zettel il 19 maggio 1763:

"Immaginate una fanciulla di undici anni che interpreti al clavicembalo le sonate e i concerti più difficili dei più grandi Maestri, con la massima chiarezza, con indicibile leggerezza e abilità e un grande gusto. Ciò destò in molti grande meraviglia..."

Per continuare a leggere questo articolo, puoi collegarti a www.ritacharbonnier.com.

3 commenti:

  1. Ciao Rita,

    su questo tema, credo non ci sia da stupirsi, considerato che di recente ho appreso la notizia circa affermazioni (non so fino a che punto dimostrabili, tuttavia) che Johan Sebastina Bach fosse, in realtà, una donna !

    RispondiElimina
  2. Questa che Bach potesse essere una donna giuro, non l'avevo mai sentita...
    Grazie del contributo!

    RispondiElimina