domenica 8 marzo 2009

8 marzo: la bufala dell’incendio in fabbrica

Crabchick @ Flickr
Per l’ultima volta (ne ho parlato anche qui): la storia dell’incendio nella fabbrica americana che sarebbe avvenuto il giorno 8 marzo 1908, e nel quale sarebbero perite oltre 100 operaie tessili, è una bufala. Una storia inventata. Una provata falsità. Chiunque faccia riferimento alla fantomatica fabbrica Cotton di New York e al suo altrettanto fantomatico proprietario Mister Johnson narra una vicenda suggestiva e ovviamente drammatica, ma mai avvenuta e priva dei più banali riscontri (vedi anche “La prova” a fondo pagina).

La caratteristica peculiare delle bufale è che sono persistenti e molti ci credono pervicacemente, in modo fideistico e aprioristico, poiché esse fanno leva in primo luogo (come tutte le storie) sulle emozioni. Io stessa ci credevo. Qualche anno fa ebbi una conversazione con un giornalista più anziano che si svolse grossomodo così.

La leggenda

“Che storia questa della festa della donna” dico io. “E’ diventata come San Valentino, e invece dovrebbe essere un momento di riflessione sull’uguaglianza tra gli esseri umani, senza distinzione di sesso. E poi è un anniversario terribile: la giornata è stata scelta per ricordare la morte di tante operaie in America, che lavoravano in condizioni orribili…”
“Per la verità” dice lui “l’8 marzo di tanti anni fa non c’è stato nessun incendio in nessuna fabbrica. E’ una pura leggenda.”
Io mi sentii un po’ scema e non potei non pensare che in errore era lui, e che parlava così perché era maschio e forse anche un po’ maschilista. E invece aveva ragione.

Secondo la leggenda, dunque, alcuni giorni prima dell’8 marzo 1908, le operaie di un’industria tessile di New York che si chiamava “Cotton” (che vuol dire “cotone”: un nome inventato anche con poca fantasia) entrarono in sciopero per protestare contro le inumane condizioni di lavoro alle quali erano sottoposte. Lo sciopero proseguì per giorni finché, l’8 marzo, il proprietario della fabbrica, che si chiamava Johnson (anche qui, spreco di fantasia) chiuse le operaie all’interno bloccando tutte le uscite. Lo stabilimento fu devastato da un incendio e le operaie prigioniere fecero una fine terrificante. Secondo una versione della storia che rasenta il ridicolo e risuona di antiche cacce alle streghe, sarebbe stato lo stesso Johnson ad appiccare il fuoco alla propria fabbrica.

La verità

Un grave incidente in una fabbrica tessile ebbe luogo a New York il 25 marzo 1911, tre anni e alcuni giorni dopo. E questo disastro ha poco a che fare con l’emancipazione femminile e soprattutto non ha niente a che fare con la giornata della donna. Su questa pagina dal sito de L’Unità c’è addirittura un video che riproduce una serie di impressionanti immagini d’epoca e in didascalia riporta la solita favola della fabbrica Cotton. Si tratta di un errore. Come potete facilmente verificare voi stessi, le foto documentano l’incendio della Triangle Waist Company (o Triangle Factory) del 25 marzo 1911 (vedi in particolare questa pagina).

I morti nel disastro furono 146, uomini e donne, tutti lavoratori immigrati, in prevalenza italiani ed ebrei di provenienza europea. Morirono perché scoppiò un incendio, le uscite principali della fabbrica erano chiuse, e non c’erano uscite di sicurezza.

L’incendio della fabbrica Triangle in America non costituisce affatto un simbolo della parità negata tra i sessi. Viene invece additato come tragico esempio di quel che può accadere quando l’industrializzazione non conosce regole e limiti. Due anni prima, in effetti, i lavoratori della Triangle erano entrati in sciopero: i proprietari della fabbrica approfittavano della vulnerabilità degli immigrati forzandoli a lavorare in condizioni di sicurezza precarie. Curiosamente per una città che demolisce i propri palazzi come fossero castelli di sabbia, e li ricostruisce in tempi record, l’edificio della fabbrica Triangle è ancora in piedi, dalle parti di Washington Square Park.

La prova

Se avete in programma un viaggio nella Grande Mela, vi consiglio di visitare il Museum of the City of New York che si trova nell’Upper East Side, al numero 1220 di Fifth Avenue. In una sezione sono ricordati tutti gli incendi che purtroppo devastarono la città: quello della fabbrica Triangle nel 1911, quello del 1876 (in un teatro di Brooklyn, che causò 300 morti), quello del 1835 (il Great Fire, che distrusse 700 edifici) e quello, ancora precedente, del 1776 (che lasciò migliaia di persone senza casa). Della fabbrica Cotton del 1908 non c’è traccia.

36 commenti:

  1. Molto interessante e mi ha aperto tante riflessioni

    RispondiElimina
  2. Complimenti , un altro falso mito post moderno sfatato…sarebbe interessante approfondire se la celebrazione di falsi miti, crei anche una perdita di energia interiore negli esseri umani.

    Buona Pasqua e in bocca a lupo per il tuo nuovo libro.

    RispondiElimina
  3. fantastico. motivo in più per abolire la festa dell'8 marzo. facciamo quella del 25, invece. degli immigrati, dei clandestini, dei nuovi schiavi. forse ce ne sarebbe davvero bisogno.
    noi, ormai, siamo troppo impegnate con parrucchieri, lifting, beauty farm...
    baci

    RispondiElimina
  4. Grazie, Giorgia. Sì, la giornata del 25 marzo oggi sembrerebbe davvero necessaria. Urgente, anzi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. 'Triangle Shirtwaist Company' era il nome della compagnia dove morirono 140 lavoratrici... tra cui italiane ed ebree... storicamente chi lavorava nel tessile era prevalentemente forza lavoro femminile (e tutt'ora le statistiche rivelano questo dato) ... bah...

    RispondiElimina
  6. Nonostante il commento che precede sia anonimo, non lo cancellerò, ma in compenso pregherò questa ignota persona di sopportare una piccola lezione di lingua inglese.

    “Shirtwaist” o “waist” vuol dire “camicetta”, “company” vuol dire “società” e “factory” fabbrica. Gli americani tendono a scrivere in maiuscolo tutte le parole che compongono un titolo. Per cui trovare scritto “Triangle Shirtwaist Company” o “Triangle Factory” o simili è esattamente identico. La fabbrica si chiamava Triangle, punto. I morti non furono 140 ma 146 ed è giusto pensare che fossero prevalentemente donne, poiché erano sarte; ma non erano tutte donne. Erano giovani lavoratori immigrati e giovani lavoratrici immigrate.

    In ogni modo la sostanza non cambia: comunemente si ritiene che la data dell’8 marzo sia stata scelta per via di un incidente industriale mai avvenuto; quello realmente avvenuto non si verificò l’8 marzo e solo in Italia circola questa panzana. E per portare all’attenzione pubblica il fatto che le donne tuttora hanno un ruolo secondario nella società non c’è bisogno né di una “festa” nella quale gli uomini fanno gli auguri (di che?) e regalano mimose, né di un falso storico. Un’analisi approfondita e interessante della questione si trova qui.

    RispondiElimina
  7. Cara Rita

    giusto per precisare: che la maggioranza (non tutte, ma certo la maggioranza) delle vittime dell'incendio della Triangle siano donne (immigrate italiane e dell'est Europa) è più che certo. Basta dare un'occhiata alla lista delle vittime pubblicata sul sito ufficiale dedicato al tragico evento. Purtroppo, ora come ora, non posso metterti il link, ma puoi trovarlo su Wikipedia basta che digiti "Incendio della fabbrica Triangle".
    Comunque la strage di operaie a causa delle insicure condizioni di lavoro (i due proprietari rimasero impuniti, tra l'altro) è davvero avvenuta: non era il 1908, il padrone non si chiamava Johnson, e la fabbrica non si chiamava Cotton..e allora? Non mi pare un buon motivo per rinunciare all' 8 marzo (sappiamo tutti che Gesù non è nato il 25 dicembre non per questo si rinuncia al Natale) che comunque NON è una festa, ma è la Giornata Internazionale della Donna voluta dalle organizzazioni femminili che facevano riferimento all'Internazionale Socialista per riflettere sulla condizione femminile e lavorare per la parità.
    Una ricorrenza progressista la cui importanza non va sminuita.

    RispondiElimina
  8. Caro Paolo1984,

    ti ringrazio per aver espresso il tuo pensiero e per esserti firmato. Scusami se mi permetto, ma mi sorge il sospetto che tu non abbia letto bene il mio articolo, prima di commentarlo. Se l’avessi fatto, ti saresti accorto che quello che tu chiami “sito ufficiale dedicato al tragico evento” è linkato nel corpo dell’articolo stesso (da un anno, perché questa pagina del blog risale a un anno fa).

    Non so se il sito in questione possa essere definito un sito ufficiale. Nasce da un progetto universitario e raccoglie materiali di proprietà di una biblioteca universitaria americana; in ogni modo, che io sappia, è in effetti la fonte di informazioni in rete più completa sull’incendio della Triangle, almeno per il momento. Conosco la voce di Wikipedia che tu citi e mi fa sorridere sentirla indicare come fonte di riferimento, visto che io stessa ho dato sostanziosi contributi all’enciclopedia online e continuo a farlo non appena ho un po’ di tempo.

    Il mio articolo non dice che non debba esistere una giornata internazionale della donna. Dove l’hai letto? Il mio articolo dice, riassumendo: la stampa italiana ha erroneamente fatto propria una ricorrenza inesistente; una ricorrenza che, nel luogo in cui è avvenuta, non è simbolo della condizione femminile ma di quella degli immigrati.

    Quando ero una ragazzina l’8 marzo andavo in piazza a gridare slogan femministi. Adesso ricevo auguri, non capisco di cosa, e mimose in regalo. E nel parlare comune oggi è la “festa” della donna, non la “giornata”. Anche su questo mi ero espressa nel corpo dell’articolo, ma forse il passaggio ti è sfuggito; capita. Comunque, come vedi, sono proprio l’ultima persona a voler togliere senso ai simboli delle lotte femministe. Credo però che sarebbe opportuno ripensare un po’ la questione, e che un primo passo possa essere riconoscere onestamente le bugie che sono state dette.

    Ciao e ancora grazie, Rita Charbonnier

    RispondiElimina
  9. Sì, adesso rileggo e mi accorgo che il link l'avevi già messo tu.
    Quel che mi premeva era ribadire il valore di questa giornata aldilà del fatto che non c'è mai stata una fabbrica Cotton andata a fuoco nel 1908. Sono temi che mi stanno molto a cuore e a volte forse esagero per “eccesso di zelo”
    Vedi Rita, io come uomo sarò sempre grato al movimento di emancipazione della donna perchè insieme ad altri movimenti progressisti (quello operaio, ad esempio) si è battuto per un mondo più giusto e libero e contro tradizioni opprimenti. Certo il mondo in cui viviamo è tutt'altro che perfetto, spesso sembra che uomini e donne utilizzino male la loro libertà, ciò nondimeno bisogna difenderla perchè libertà e giustizia non si ottengono mai una volta per tutte, ma se almeno in Occidente stiamo un po' meglio rispetto a cento o sessant'anni fa lo dobbiamo agli uomini e alle donne che hanno, spesso con grave rischio, condotto quelle battaglie di progresso civile e sociale di cui il femminismo è parte integrante e dobbiamo anche considerare che queste conquiste civili e sociali specie per quanto riguarda le donne sono ancora assenti o difficili da raggiungere in tante parti del mondo dove il tradizionalismo religioso è ancora forte, purtroppo.
    Certo le femministe e i progressisti in generale erano esseri umani, non erano perfetti e sicuramente avevano mille limiti, avranno commesso degli errori anche grossi, ma ciò che conta per me è che, nonostante tutto, stavano dalla parte del giusto.
    Sembra retorico ciò che dico, ma io ci credo e non dubito che ci creda anche tu. Mi premeva solo ribadire ulteriormente certi concetti.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Poi sullo snaturamento che la Giornata dell'otto marzo ha subito nel corso del tempo, concordo con te.

    Ciao

    RispondiElimina
  11. Chi mai lo può sapere a questo punto!?!?! Sicuro è che abbiamo capito che dell'informazione fanno ciò che vogliono.
    Intanto in molte parti del mondo si inizia a negare l'esistenza della Shoah, immaginate un po!!! Comunque un giorno per celebrare le donne è sempre e cmq giusto, c'è grande bisogno di sensibilizzazione contro ogni forma di violenza verso essa perchè pare la nostra civiltà non sia poi così civile come ama evidenziare.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Purtroppo", caro Anonimo, io mi riservo il diritto di cancellare i commenti anonimi sul mio blog, come lei saprebbe se avesse letto le avvertenze; e se avesse letto l'intero articolo prima di commentarlo, anziché solo la parte finale, avrebbe scritto un commento più sensato, che magari avrei lasciato comunque.

      Elimina
  13. Bastava consultare Wikipedia, dove c'è la vera storia di questa "festa":

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_Internazionale_della_Donna

    altro buon articolo sul tema:

    http://www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra/2012/03/08/8-marzo-sai-cosa-festeggi/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo (di norma cancello i commenti anonimi, ma questo lo terrò), la voce che lei cita di Wikipedia (molto ben fatta) è stata scritta, o perlomeno completata, successivamente a questa pagina, che è citata tra le fonti. Grazie dell'altro link.

      Elimina
  14. Cara Rita,
    mi fa piacere leggere ogni tanto la sacrosanta verità su questa dolorosa e triste vicenda. Soprattutto per far capire al mondo intero come realmente sono andate le cose e poi perché è una vicenda storica e soprattutto umana e non possiamo ignorarla oppure, ancor peggio, manipolarla inventando date e nomi di fabbriche mai esistite. Desidero aggiungere un'altra cosa molto importante, perché spesso sento amici e persone dire che quel tragico giorno gli operai furono chiusi deliberatamente dai padroni perché avevano svolto alcuni scioperi e che i padroni stessi avrebbero dato fuoco alla fabbrica per "punirli".
    La verità è che alcune porte venivano chiuse sempre dai padroni, perché avevano paura che gli operai uscissero per prendersi pause da loro non permesse o che addirittura rubassero stoffa e altro materiale dalla fabbrica. Difatti all'ora di chiusura gli operai dovevano percorrere uno stretto corridoio dove venivano sistematicamente perquisiti (anche dentro le borsette!) da un'addetto alla sicurezza.

    RispondiElimina
  15. Grazie del contributo, Massimiliano. In effetti (come del resto dico anche nel corpo dell'articolo) la versione secondo la quale il mai esistito signor Johnson avrebbe appiccato il fuoco alla propria fabbrica allo scopo di punire gli operai è a dir poco grottesca. A volte per individuare le bufale è sufficiente usare un minimo - un minimo, dico - il cervello. Il capitalista cattivo, se è un capitalista cattivo, non manda in fumo il capitale. O no?

    RispondiElimina
  16. Cara Rita, ti leggo solo ora con qualche anno di ritardo aihme*.
    Ho trovato il tuo articolo e il tuo blog andando su wikipedia per ricordarmi l-anno in cui sarebbe avvenuto l-inventato incendio della fantomatica Cotton. Non trovando riferimenti mi sono incuriosita... ed eccomi qui.
    Mi apri gli occhi. Grazie.
    Ho sempre guardato un po- di traverso le donne che festeggiano andando in giro per locali a strillare davanti a maschioni che si denudano quella che in realta- pensavo fosse una ricorrenza tragica, e rimango comunque dell*idea che sia una schiocchezza *festeggiare* cosi. Mah. Non riesco proprio a concepirlo. Se almeno questa festa servisse a ricordare le violenze subite dalle donne in tutto il mondo o i maltrattamenti che ancora subiscono le donne di culture diverse dalla nostra, la festa avrebbe un suo perche-, no?

    Sono anonima solo perche- al momento ho un problema col computer (come potrai notare dall-uso dei simboli che sto facendo(, e non riesco a loggarmi ora, ma certamente lo faro* in seguito. grazie per il tuo approfondimento Rita!
    Silvy

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. Su questo blog i commenti anonimi sono poco graditi. Quindi ne ho appena cancellati due di questo tipo. Leggansi le avvertenze prima di postare. E magari leggasi l'intero post, e le pagine cui conduce. Grazie.

    Grazie a te, Silvy, per il contributo.

    RispondiElimina
  20. Ma a giorno d'oggi tanta informazione e sbagliata.inventano tutto solo per avere la prima pagina nei giornali

    RispondiElimina
  21. comunque bufola o no è giusto dedicare un giorno alla donna!!!
    ci sopportano ogni giorno!!!!
    buon 8 marzo!!!

    RispondiElimina
  22. Scusa autrice. Non entro nel merito della questione. Al momento non ho una conoscenza dei fatti, tale da poter contestare o confermare il tuo articolo. Mi informerò. Ti chiedo solo il perché non dovrebbe la tua una "bufala". I tuoi riferimenti "certi", potrebbero essere costruiti come i precedenti.

    RispondiElimina
  23. @ Matteo: grazie.
    @Antonio: se vuoi davvero informarti sull'argomento, puoi farlo abbastanza facilmente; ci sono anche dei testi cartacei, segnalati nel corpo del post e in qualche commento. Che l'incendio della Triangle sia una bufala non me la sentirei proprio di affermarlo.

    RispondiElimina
  24. Innanzitutto mi scuso per l'anonimato, il mio nome comunque è Simona, sto commentando con uno stupido cellulare che non mi lascia logicamente fare quello che voglio.
    Per anni ho creduto alla "commemorazione" dell'8 marzo senza batter ciglio. Solo stamane, dopo un'accesa discussione sul femminismo, ho iniziato a scavare a fondo sulla vicenda e sono approdata al tuo blog.
    La mia domanda è semplice e corta:"Perchè?"
    Perchè hanno inventato questa panzana? Chi la ha inventata?
    Oggi ho letto cose inimmaginabili sul "femminismo" (lo metto appositamente tra virgolette, perchè non mi piace come termine) ho letto cose sulle donne, che mi hanno fatto accapponare la pelle e come sempre la mia testa frulla e mi chiedo il perchè...sempre perchè nella mia testa!!
    Perchè deve essere stupido festeggiare un giorno all'anno tutte le donne? Perchè dev'essere degradante?
    Degradanti sono tutte le oche che stasera si recheranno nei locali dove guarderanno/toccheranno stupidi uomini pettoruti che fanno lo spogliarello.
    Degradanti sono le stesse oche che escono di casa solo quella sera e sembra che abbiano conquistato l'indipendenza...taglio o non finisco più...grazie per avermi aperto gli occhietti...ma perchè lo hanno fatto?
    Simona

    RispondiElimina
  25. comunque una sarà pure libera di andare a vedere uno strip maschile senza essere chiamata oca

    RispondiElimina
  26. @ Simona. Perché. Non ho una risposta. Posso consigliarti di dare un'occhiata anche a questo articolo, uscito ieri (l'ho trovato tramite una rapida ricerca). E soprattutto di leggere questo libro, con intervista a una delle autrici qui.
    Grazie a te per esserti fermata su questa pagina e per il contributo.

    @ Paolo1984. Ognuno ha diritto ai propri spogliarelli, alle proprie opinioni e (direi) anche ai propri giudizi...

    RispondiElimina
  27. Ti ringrazio....per il link e per la risposta naturalmente....a Paolo vorrei chiedere se si sia mai recato una volta in un locale prima della mezzanotte la sera dell'8 marzo...io purtroppo si! sono andata ad un compleanno di un'amica....sconfortante :(
    Simona

    RispondiElimina
  28. grazie rita e io ke pensavo fosse una tragedia ,comunque festeggiare la donna sempre e non ammazzarla non sarebbe male per alcuni uomini

    RispondiElimina
  29. immagino che ciò che si vede non sia troppo diverso da quello che fanno gli uomini nei locali di strip femminile. Alla fine siamo moralmente nel bene come nel male..comunque quoto Rita: "Ognuno ha diritto ai propri spogliarelli, alle proprie opinioni e (direi) anche ai propri giudizi.." io tendo ad avere giudizi meno perentori.

    RispondiElimina
  30. http://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_della_fabbrica_Triangle

    RispondiElimina
  31. E' un emozione raccapricciante vedere le immagini dei momenti terribili dell'incendio e incredibilmente commoventi quelle di queste donne che si sono battute con enorme coraggio per ottenere dei diritti. Emozioni che dal canto mio non provo più dagli anni '70 - primi '80...poi che è successo? Siamo diventati tutti ricchi? Per quanto riguarda la serata dell'8 marzo, bè...fa sorridere pensare che tante donne vadano ad assistere agli streap, oppure a cena tra amiche per sentirsi una sera "libere e indipendenti"...giustamente ognuno fa ciò che vuole (io suggerisco a donne e uomini comunque di cercare la propria indipendenza permanente nella vita usando almeno un pochino del coraggio delle donne di cui sopra visto che in alcune situazioni di coppia gravi si può rischiare la vita).
    Ieri sera con un gruppo con cui collaboro abbiamo fatto il pienone in una sala con una rappresentazione culturale, musica d'ascolto, canzoni con testi a tema e poesie...bello sapere che tante donne (sole o con i loro compagni) abbiano scelto un'alternativa piuttosto che starsene a casa a guardare la tv...ops...questa è un'altra libera facoltà :-)
    Grazie Rita.

    RispondiElimina
  32. ...e cristo non e' nato il25 dicembre... embe'

    RispondiElimina
  33. Grazie a tutti per gli interventi, e a Sergio e al suo gruppo per aver organizzato una bella serata di musica e poesia per l'8 marzo!

    RispondiElimina