lunedì 21 novembre 2011

“La sorella di Mozart” nei blog, tra Italia e USA

Ultime blog-recensioni del mio primo romanzo. La seconda, molto bella, in lingua inglese.
Wanderer’s Eyes. Blog di studio, ricerca e sperimentazione

Salisburgo, 1756. Nel salotto della famiglia Mozart, una piccola platea assiste alla straordinaria esibizione al cembalo di una bambina di cinque anni, Nannerl. Ma in quella stessa casa, il nuovo nato le ruberà la scena: suo fratello, Wolfgang Amadeus. Attraverso il tormento di una donna nata troppo presto per le convenzioni sociali del suo tempo, La sorella di Mozart di Rita Charbonnier è un libro che mostra una donna che rimane stritolata, senza poter trovare la possibilità di esprimere se stessa e il proprio talento artistico.
Il romanzo racconta la vita di Maria Anna Walburga Ignazia Mozart soprannominata “Nannerl” che già a pochi anni di vita viene instradata dal Padre Leopold ad imparare a suonare il clavicembalo.
A cinque anni nonostante le sue manine non arrivino neanche all’estensione di una quinta sulla tastiera è già capace di far danzare lo strumento e di affascinare il pubblico.
Tuttavia la sua passione e la sua bravura diventeranno ben poca cosa, quando nascerà il fratello Wolfgang, motivo d’orgoglio per il padre.

>> Vai alla pagina


Booklolly. Exploring the way forward through stories in a book a day for a year

Maria Anna Walburga Ignatia Mozart — Nannerl — was a child prodigy who played the harpsichord and eventually the pianoforte, improvised and composed music and sang with astonishing virtuosity. Her brief career as the miraculous young Mozart child ended the moment her brother arrived. Leopold Mozart coldly replaced the daughter with the son, forbidding his eldest child to compose, to play in public, to do much more with her life than support the brother she adored and grew to resent.

Mozart’s Sister is Rita Charbonnier’s fictional recreation of Nannerl’s life, based on the scant details that can be recaptured. Little is known about her aside from the early performances that amazed concert crowds, the great childhood affection that bound the Mozart siblings, the relentless rejection of her talent by a father obsessed with promoting his son, and the fact that she devoted a great deal of her life after Wolfgang Mozart’s death to collecting and publishing his compositions.

>> Vai alla pagina


Rosebud. Giornalismo online

Rita Charbonnier è nativa di Vicenza, ha vissuto a Matera, Mantova, Genova, Trieste, per poi stabilirsi a Roma. Ha fatto studi musicali e ha frequentato la scuola di Teatro dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. E’ stata attrice e cantante in teatro, recitando al fianco di celebri artisti. In seguito si è dedicata alla scrittura e, dopo aver collaborato come giornalista con riviste di spettacolo, ha iniziato a scrivere sceneggiature e infine romanzi. Il primo, La sorella di Mozart (Corbaccio 2006), ha riscosso un grande successo in Italia e all’estero, tradotto in ben dodici Paesi. Ha pubblicato per le Edizioni Piemme il suo secondo romanzo La strana giornata di Alexandre Dumas. Sempre per Piemme, La sorella di Mozart è stato ristampato in edizione best-seller, nel 2011, e sta continuando a riscuotere un successo straordinario.

>> Vai alla pagina

Nessun commento:

Posta un commento