lunedì 28 novembre 2011

Reading musicale “Le due vite di Elsa” a Pavia: il video

Giuditta Rissone e Vittorio de Sica
sulla copertina de Il Dramma (15/1/1931)
A breve arriverà un altro video, realizzato da un professionista, ma intanto sono lieta di consegnare all’etere i primi 3 minuti (più in basso) che documentano il reading musicale del mio ultimo romanzo andato in scena a Pavia, presso l’Osteria letteraria Sottovento. La serata si inseriva nell’ambito della manifestazione Leggevamo quattro libri al bar organizzata dall’associazione onlus Vivere con lentezza.

All’inizio del video, le prime battute di Lodovico (“sei dolce come un fico, più caro amico di te non ho…”), cantata da Vittorio de Sica – e molto citata nel mio romanzo. Faceva parte della rivista Le lucciole della città (1931), così intitolata sulla scia del maggior successo cinematografico di quell’anno: Luci della città di Chaplin.

Dello spettacolo, scritto da Dino Falconi e Oreste Biancoli, con canzoni e musiche di Vittorio Mascheroni, furono protagonisti Pina Renzi, Umberto Melnati, Giuditta Rissone e, appunto, De Sica: per lui fu un autentico exploit come “chansonnier”. L’anno successivo, il 1932, ebbe un successo ancor maggiore con il film Gli uomini, che mascalzoni… di Mario Camerini, presentato alla prima edizione della Mostra del Cinema di Venezia e nel quale interpretò la celeberrima canzone Parlami d’amore Mariù.

De Sica in realtà non amava l’etichetta di cantante. Così dichiarò sulle pagine del quindicinale di teatro Il Dramma (1/12/1936, testo riportato qui):

Mi si chiama in giro lo Chevalier italiano. Ingiusto battesimo al quale mi ribello per infinite ragioni. Chevalier è un delizioso “chansonnier”, un uomo che la natura ha dotato di singolarissime qualità fisiche e intellettuali. Chevalier ha fatto di se stesso un tipo teatrale, adottando, come una maschera, quel cappello di paglia che, ormai, più che un cappello è un tic. Né ambisce a rappresentare altri se non se stesso. Io invece sono un attore drammatico, che per proprio diletto, prima che per l’altrui, canta anche canzoni.




Nessun commento:

Posta un commento