sabato 3 dicembre 2011

“Mozart a strisce”, a Milano fino all’11 dicembre

La fine di Don Giovanni secondo Milo Manara
Ieri è stata inaugurata una mostra dedicata a un Mozart insolito: quello raccontato da fumetti e cartoni animati. Chi vive a Milano e dintorni può visitarla fino alla fine della settimana prossima presso WOW Spazio Fumetto. Ingresso libero.

Dal tratto elegante di un maestro come Milo Manara (con l’esposizione di un originale ispirato al Don Giovanni, nell’immagine a fianco) alle avventure disneyane di Topolino, dalla biografia a fumetti edita da Il Giornalino ai capolavori d’animazione di Luzzati e Cavandoli, “Mozart a strisce” racconta visivamente la vita, l’arte e il mistero di uno dei compositori più celebrati e amati. La mostra, a cura di Enrico Ercole, gode del patrocinio dell’Associazione Mozart Italia.

Cuore dell’allestimento sono le opere che Manara ha realizzato nel 2006 per illustrare il volume Pentiti!: otto riproduzioni su pergamena che raccontano il lato più “malandrino” del genio di Salisburgo. Il viaggio continua con le pagine tratte dalla biografia mozartiana a fumetti edita da Il Giornalino nel 1991, in occasione del 200° anniversario della morte del compositore; una ricorrenza che convinse la Disney a dedicargli la storia Topolino e l’Eredità di Mozart, della quale saranno esposte alcune pagine. Inoltre, grazie alla collaborazione della Disney Italia, si potranno scoprire in anteprima le tavole della nuova storia DoubleDuck e il convitato di gesso, scritta da Fausto Vitaliano e disegnata da Marco Mazzarello.

Non poteva mancare un’avventura targata Sergio Bonelli Editore. Ecco allora diverse tavole tratte dall’albo Il Mistero di Mozart della serie Martin Mystère: l’investigatore dell’impossibile si trova a indagare sul mistero della scomparsa del cranio di Franz Joseph Haydn, scoprendo insospettabili collegamenti con le società massoniche di cui faceva parte anche Mozart.

E poiché anche il cinema d’animazione ha attinto all’inventiva mozartiana, ecco due maestri come Osvaldo Cavandoli ed Emanuele Luzzati: del primo saranno esposti i rodovetri del corto Trazom (1992), mentre di Luzzati verranno proiettati alcuni estratti del lungometraggio d’animazione Il flauto magico (1978). Nel video qui sotto, Papageno e Papagena.



Completano l’esposizione alcune opere di giovani promesse del fumetto italiano e la concludono alcuni “mozartini” d’autore realizzati da maestri come Sergio Toppi, Athos Careghi, Sandro Dossi e dalla squadra Dentiblu. Non manca la serie di figurine Liebig che raccontano per immagini la vita del salisburghese; in questo contesto è importante il contributo dato da Gianluca Gugliotta, giovane disegnatore italiano recentemente entrato nella scuderia Marvel.

MOZART A STRISCE
Il genio mozartiano raccontato a fumetti, da Manara a Topolino
Milano, WOW Spazio Fumetto, Viale Campania 12
2-11 dicembre 2011
Dal martedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00. Sabato e domenica dalle 15.00 alle 20.00. Lunedì chiuso
Ingresso libero
Info: 02 49524744

Nessun commento:

Posta un commento