lunedì 10 settembre 2012

La profezia segreta di Mozart

Articolo di Alessandra Stoppini, importato da SoloLibri.net. Riguarda un nuovo romanzo che ruota attorno alla misteriosa morte di Mozart e che attribuisce a Nannerl, sorella del Maestro, il ruolo della custode del segreto. Su questo blog ci siamo già occupati de Il caso Mozart e L'assassinio di Mozart (nonché de L'ultimo dei Mozart e Novelle K 666): se non sapete proprio cosa regalare a un appassionato di Amadeus, avete una buona rosa di titoli tra i quali scegliere. Segnalo inoltre che Alessandra Stoppini, per un'altra testata, ha recensito i miei romanzi La sorella di Mozart e (qui il Maestro non c'entra) Le due vite di Elsa.


La profezia segreta di Mozart
di Matt Rees, Newton Compton
“Nell’ottobre del 1791 Wolfgang Amadeus Mozart, il più grande genio musicale che il mondo abbia mai conosciuto, confidò a sua moglie di essere stato avvelenato. Sei settimane dopo, a soli trentacinque anni, morì”.
Questo suggestivo romanzo, “basato su avvenimenti storici realmente accaduti” come dichiara l’autore Matt Rees, anche se “ho alterato le storie di diversi personaggi, concedendomi licenze poetiche di varia entità”, getta una nuova luce su uno dei grandi misteri della storia. Mozart venne assassinato con acqua toffana, una “miscela letale di arsenico, belladonna e piombo” o l’uomo si spense a causa di un attacco di febbre miliare acuta cinque minuti dopo la mezzanotte in una fredda notte invernale viennese del 5 dicembre 1791? A distanza di secoli solo una cosa appare certa:
“nessuno può sapere con esattezza in che modo trovò la morte. E non è da escludere che le cose siano andate proprio così”.
L’autore inglese, da sempre appassionato della musica del divino Mozart che rifiutava per istinto le gerarchie, costruisce intorno alla vicenda un thriller storico appassionante, pubblicato in Italia da Newton Compton con il titolo La profezia segreta di Mozart. Tutto ha inizio a Salisburgo il 10 ottobre 1829 quando Franz Xaver Wolfgang Mozart si reca presso l’abitazione dell’anziana zia Anna Maria Mozart, da sempre in famiglia chiamata Nannerl. Nannerl e Wolfgang Amadeus da piccoli erano bambini prodigio, talentuosi artisti dotati di un tocco magico al pianoforte. Il loro padre Leopold li aveva fatti esibire in molte città europee davanti a re, regine e principi. Mentre la stella di Wolfgang aveva continuato a brillare, quella di Nannerl, altrettanto fulgida, si era dovuta eclissare solo per il fatto di essere nata donna.
“Mi sentivo attratto da questa donna di talento quasi completamente dimenticata, mentre il fratello raggiungeva la fama nella capitale austriaca. Ho scritto il libro per lei”.
Anna Maria aveva sposato “un funzionario di provincia che la portò a far parte della piccola nobiltà e che le diede il titolo di baronessa dell’Impero nel 1792. Poi, dopo la morte di suo marito, il ritorno a Salisburgo, dove insegnò pianoforte finché non perse del tutto la vista”. Tutto questo mentre Wolfgang Amadeus Mozart diventava “l’uomo famoso in tutta Europa e perfino nelle Americhe come un compositore senza eguali”. Nannerl, sapendo di stare per morire, consegna al proprio nipote un libro redatto da lei contenente “la verità sugli eventi che hanno influenzato la tua vita… e la storia della musica tutta”. Quel libro dalle “pagine ingiallite e secche, riempite da lettere inclinate verso l’alto, che procedevano da sinistra verso destra, scritte con penne d’oca in disuso ormai da tempo” contiene la verità sulla morte di Mozart. Il figlio di Wolfgang apre la copertina di pelle del diario e inizia a leggere mentre fuori sta per cadere la prima nevicata dell’anno.

Nella Settecentesca Vienna dell’Imperatore d’Austria Leopoldo II si agitano passioni, musica, intrighi e misteri. Un uomo piccolo di statura ma “dal genio musicale incommensurabile” crea arie e composizioni sublimi che sono lo specchio dei suoi pensieri. Mozart, appartenente a “una loggia massonica di tipo rosacrociano” e illuminista convinto, “era immerso nel suo tempo più di chiunque altro. Lui ne rappresentava gli ideali illuministici di libertà e uguaglianza, di progresso scientifico e intellettuale”. Ma queste idee radicali e rivoluzionarie andavano contro le convinzioni dell’Imperatore che “riteneva che i massoni stessero tramando segretamente contro la monarchia”.

Un intrigante enigma musicale dove la figura e le composizioni di Mozart, che amava giudicare le persone in base al proprio talento, assumono un aspetto fondamentale. Basti pensare all’opera teatrale Il flauto magico, che “racchiude tutto il pensiero di Wolfgang che credeva nell’eguaglianza e nell’amore fra gli uomini”.
“La verità, la verità, fosse anche un crimine!”
Il flauto magico, atto I, scena 18
di Alessandra Stoppini

La profezia segreta di Mozart si può ordinare su:

3 commenti:

  1. Ciao Rita, bello, quanto mistero ruota intorno a questo grande genio della musica! E come mi piace sempre di più la figura di Nannerl, obbligata dalle convenzioni sociali dell'epoca a rimanere in ombra...materia per tanti romanzi.
    A presto, felice settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. Antonella: grazie, e felice settimana a te!
    Grazie anche a te, Palmy: visto e... piaciuto assai. A presto.

    RispondiElimina